Salta al contenuto
Azimut
 

Prodotti

Fondi Italiani

Azimut Capital Management SGR SpA gestisce, tra l'altro, 13 fondi di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE:
 
Azimut Reddito USA, Azimut Trend Tassi, Azimut Solidity, Azimut Scudo, Azimut Dinamico, F1 Absolute, Formula Target 2017, Azimut Strategic Trend, Azimut Trend America, Azimut Trend Europa, Azimut Trend Pacifico, Azimut Trend e Azimut Trend Italia.
 
Come sottoscrivere
La sottoscrizione può essere effettuata:
Tramite versamenti in Unica Soluzione (PIC) con versamento minimo iniziale pari a Euro 1.500 e versamenti successivi di importo minimo pari a Euro 500. Con adesione al "Sistema Investimento Azimut (SIA)" l'importo minimo da destinare al Fondo, potrà anche essere inferiore a quanto sopra previsto, purché pari ad almeno € 500 e sempre che l'importo della sottoscrizione iniziale sia complessivamente pari ad almeno € 1.500 comprese tutte le spese di sottoscrizione, se dovute.
Ripartendo nel tempo l'investimento attraverso la sottoscrizione:
- di un Piano di Accumulo (PAC) che consente di ripartire nel tempo - per periodi compresi tra 5 e 20 anni - la partecipazione ad un Fondo, con versamenti periodici di importo minimo almeno pari a 50 €
- del Servizio Family Plan – Programma Multiobiettivo che consente di ripartire nel tempo - per periodi compresi tra 5 e 20 anni - versamenti periodici di importo minimo almeno pari a € 150. L'investimento viene suddiviso su 2/3 Fondi scelti dal sottoscrittore (un Fondo scelto tra Azimut Trend Tassi, Azimut Reddito USA, Azimut Scudo, Azimut Dinamico, Azimut Solidity e 1/2 Fondo/i scelto/i tra Azimut Trend Italia, Azimut Trend America, Azimut Trend Europa e Azimut Trend Pacifico).

 

News

Martedì 24 maggio si è svolta a Torino la seconda tappa dell’innovativo percorso di “Education Finanziaria” per imparare attraverso il gioco

Esiste davvero un momento giusto per salire sul “Sidecar" del mercato finanziario? Questa la domanda a cui hanno cercato di dare risposta Azimut Wealth Management e il Prof. Andrea Lippi, docente di finanza aziendale dell’Università Cattolica, nella seconda tappa del percorso di educazione finanziaria svoltasi ieri a Torino.
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Chiudendo questo banner o utilizzando il sito, accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più